Procedure più trasparenti e più snelle, maggiore attenzione al rapporto qualità-prezzo, ma anche lo stop definitivo alle deroghe, tranne che in caso di calamità naturali. Questi alcuni dei principi della legge delega sugli appalti approvata definitivamente in Senato. 

Il ddl n. 1678-B recepisce le indicazioni Ue in materia di appalti e concessioni, e manda in pensione il vecchio codice degli appalti del 2006. Il Governo punta all’attuazione della delega entro il 18 aprile, data di scadenza per il recepimento delle Direttive europee in materia.  Il testo contiene alcuni principi di assoluto interesse per il settore dei servizi labour intensive come la vigilanza privata.

Nello specifico:

“ uu) previsione di una disciplina specifica per gli appalti pubblici di servizi, diversi da quelli aventi natura intellettuale, con particolare riguardo a quelli ad alta intensità di manodopera, definiti come quelli nei quali il costo della manodopera è pari almeno al 50 per cento dell'importo totale del contratto, prevedendo l'introduzione di «clausole sociali» per la stabilità occupazionale del personale impiegato, prendendo a riferimento, per ciascun comparto merceologico o di attività, il contratto collettivo nazionale di lavoro che presenta le migliori condizioni per i lavoratori ed escludendo espressamente il ricorso al solo criterio di aggiudicazione del prezzo o del costo, inteso come criterio del prezzo più basso o del massimo ribasso d'asta, comunque nel rispetto del diritto dell'Unione europea; “

Al seguente link il testo integrale della delega.

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLMESS/926315/index.html


© 2013 A.N.I.V.P. - copy watchAssociazione Nazionale Istituti di Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari di Sicurezza - Privacy e Note LegaliCreazione: Altavilla Informatica e Carism